Arte e blues

I QUADRI DI IDA MASTROMARINO e la TREC BAND (1997)
Gino Giangregorio : canto e chitarra, Dino Panza : armonica,
Sergio langella : tastiere, Gianfranco Quaratino : chitarra basso, Gianni Mele : batteria.

Il musicista Dino Panza mi ha invitato a collaborare al suo progetto, inviandomi un brano dei Ten Years After, I Cant Keep From Crying Sometimes, suonato benissimo dalla Trec Band, che evoca (40 o piú years after) la mia ribelle adolescenza… Ho fantasticato su milioni di immagini possibili e poi gli ho dato le foto dei miei quadri, perché potesse montarli secondo la sua visione. Leggendo il testo della canzone a cose fatte, ho scoperto un uomo che piange la morte della sua amata. Nei miei lavori c’è sempre una meditazione “quantistica”: niente muore, tutto si trasforma, siamo interconnessi, siamo il Tutto. L’anima del blues a spasso per il cosmo. Lieta di aver partecipato.

Annunci

Le Fanove – Elemento Fuoco

Musica e creazione video Ida Mastromarino.

In campo lungo,

il fuoco evoca e brucia i fantasmi del passato:

riti arcaici, roghi, persecuzioni, pestilenze.

In primo piano,

purifica le menti col suo caldo gioco di particelle,

fluido mutamento quantistico in azione.

Eleva verso l’alto se è fuoco spirituale, fuoco freddo.

Liberato dalla zavorra delle passioni,

Aperto all’amore universale,

l’Ego si dissolve nella danza degli elementi.

Se non c’è aria non c’è fuoco, se non c’è acqua non c’è fumo,

se non c’è terra non c’è legna da ardere.

Siamo inseparabili dal tutto.

Siamo interconnessi.

Siamo il Tutto.

Elemento Fuoco Elemento Fuoco2

Gara y Jonay – la leyenda de un grande amor

Apuntes de viaje en Canarias de Ida Mastromarino – Parque de Garajonay, La Gomera. El Parque de Garajonay lleva en su nombre la unión de dos amantes legendarios de la tradición aborigen de la isla de La Gomera: Gara y Jonay.

Gara, simbólicamente Agua, princesa de Angulo, La Gomera. Sobre ella pende una profecía. En el día de la fiesta de Beñesmen, por una ceremonia de iniciación femenina, Gara acude con otras mujeres a los chorros de Epina. De siete chorros mana un agua prodigiosa, capaz de milagros y profecías, y cada chorro tiene un poder diferente. Mostrar también el camino del amor. Hay que mirarse en el agua. Si se mantiene clara y calma, buena suerte, si se enturbia es signo de desgracia.

Para Gara, las señales no son buenas. El agua se enturbia. “Lo que ha da suceder sucederá!” – dije el sabio Gerión (o una bruja, según otras fuentes) – “Gara, huye del Fuego o este te consumirá”.

Jonay, hijo del Mencey de Adeje, Tenerife. Simbólicamente Fuego, porque llega de la isla del mítico volcán Teide. Los tinerfeños se unen a los festejos de Beñesmen.

Gara y Jonay se encuentran, se enamoran de inmediato y anuncian su deseo de unirse en matrimonio ya durante los festejos.

De repente el Teide empieza una erupción. Alguien se acuerda de la profecía del los 7 chorros. Los regentes de las dos islas obligan Gara y Jonay a separarse. El Teide se para. Los huéspedes de Tenerife se embarcan la misma noche para volver a casa. Pero Jonay, ya en el medio de la vuelta, se pone encima vejigas de animal hinchadas de aria, se tira en el agua nocturna y vuelve nadando a la Gomera.

Allí encuentra su amada Gara, juntos huyen por las montanas, arriba, hasta el bosque del cedro, buscando un lugar oculto para unirse en el amor. Pero no tardan mucho a escuchar los gritos de aquellos que los buscan. El padre de Gara los persigue y los descubre en un recoveco del bosque, mientras se están amando.

Gara y Jonay se miran en los ojos, no quieren separarse. Él toma una varita de cedro afilada, que está allí, y afila la otra punta. La pone entre su corazón y lo de Gara, se abrazan por la ultima vez, muriendo juntos.

En todo los mitos siempre se encuentran significados psíquicos y metafóricos. Que significado puede tener esta historia, en las culturas matriarcales que poblaban la isla? El Agua representa las emociones. Si miras en la fuente y las emociones se quedan calmas y tranquilas, todo está bien. Si el agua se agita, te oscurece la visión y te pone en peligro, propio como lo hacen las emociones. Por eso el consejo de huir del fuego, para no ser consumida por emociones fuertes, es un consejo “sano”. Pero el sabio-bruja ya lo sabe que será ignorado, porque así tiene que ser. Solo sufriendo, se puede comprender.

Lo que hay que suceder sucederá” es el mismo principio de aceptación de la realidad de las antiguas culturas sagradas, de la diosa Ananke, “Necesidad”, del lado oscuro de las diosas arcaicas, de la vía femenina de los Tarots.

En el simbolismo de los elementos, el Agua puede apagar el Fuego, pero el Fuego puede hacer hervir y evaporar el Agua (huye del fuego que te consumirá).

El símbolo del masculino es el triangulo con la punta hacia arriba, el elemento Fuego, lo del femenino es el triangulo con la punta hacia abajo, el elemento Agua. La unión sagrada de Agua y Fuego, el sello de Salomón, representa el equilibrio de femenino y masculino en cada ser humano consciente.

Es propio una buena leyenda, esta. Vista como historia romántica, te hace condenar las supersticiones obtusas de los perseguidores de dos amantes. Vista como historia metafórica, confirma la necesidad de poner atención a las aguas agitadas del inconsciente, porque algunas emociones pueden llevarte a la autodestrucción.

Spiaggia di Sotavento

Videoappunti di vita in Fuerteventura di Ida Mastromarino. Spiaggia di Sotavento, Oasi naturale protetta, 28 dicembre 2011.

“Rami di albero genealogico passeggiando con uccelli esotici. La cicogna mangia al ristorante. Dall’immensa spiaggia il mare vuole andarsene, controccorrente.”

Videoapuntes de vida en Fuerteventura de Ida Mastromarino. Playa de Sotavento, Oasis Natural protegida, 28 diciembre 2011.
” Ramas de árbol genealógico
paseando con aves exóticas.
La cigüeña come al restaurante.
De la inmensa playa la mar quiere irse
contracorriente.”
Creaciones Art Quijote, musica: Birdwalk de Herbie Mann

Sol y Luna

Appunti di vita in Fuerteventura. Duetto per fotografia e video di Tito Di Pippo e Ida Mastomarino, produzione Art Quijote, creazione Ida Mastromarino. Aspettando la Luna piena del 19/3/11, per le Dune di Corralejo, Spazio naturale protetto dell’Isola di Fuerteventura. Il pianeta si avvicina tanto alla Terra, solo ogni 20 anni.

La musica dei Tangerine Dream e alcune meditazioni del Mestro spirituale e fisico quantico Deepak Chopra, accompagnano il crescendo di immagini orchestrato dalla natura.

¿Eres capaz de verte come el punto alrededor del cual todo está girando?

Los mundos interno y externo están conectados. Ambos tienen la misma fuente; están organizados por la misma inteligencia profunda; se responden entre sí. En un nivel íntimo, tu existencia se entrelaza con el universo, no por azar sino por intención.

¿Por qué ciertos momentos parecen tener una magia irrepetible? Sólo tú puedes saberlo, pero no lo sabrás si no te sintonizas con el sentimiento. El símil mas cercano que se me ocurre en esta clase de relación privilegiada es la que se da entre personas que se aman.(…)

Nuestra fusión con algo más grande que nosotros es una fusión de dos subjetividades. Se le ha llamado relación “yo y tú”, o la sensación de ser como una ola en el océano infinito del Ser. No permitas que nombres y conceptos te distraigan. No hay una manera determinada para relacionarte con el universo. Sólo relaciónate a tu modo. Un niño pequeño, como mi nieta, encuentra su camino hablando con árboles y dragones invisibles. Ésa es su relación privilegiada. Cual será la tuya? Estremécete de expectación y descúbrelo.”

Deepak Chopra


L’autostima del riccio

“Appunti di vita in Fuerteventura” de Ida Mastromarino, música Tito Di Pippo.

Nel giardino di casa c’è sempre acqua e cibo per gli animali che passano di là, una “oasi” al confine del deserto delle Dune Di Corralejo, in Fuerteventura.

Questo riccio coraggioso non ha paura nè di gatti nè di umani nè di telecamera. Ha fame e si riconosce il diritto di mangiare. Chiaro, i suoi aculei gli danno sicurezza, però non sta in tensione, non vuole guerre, confida in se stesso e in quelli che lo circondano. I gatti non sanno che fare con il suo rilassato coraggio e se ne vanno. Può essere un cartone animato come una parabola sulla condizione umana. Osservare il comportamento degli animali ci aiuta a crescere come razza. Pace e abbondanza per tutti gli esseri.

Occhi di donna

Sono in Italia proprio mentre esplode il caso Ruby -bunga bunga.

Il mondo dello spettacolo ha una lunga tradizione di scambi sessuali che favoriscono la carriera.

Sin dai miei esordi di regista, mi è capitato di rifiutare alcune proposte “allettanti”, che avrebbero cambiato radicalmente la mia vita. Rifiutando, diventi consapevole di aver scelto la via lunga per il successo, ammesso che ci arrivi.

Molti anni dopo, ai miei alunni di cinema e tv dell’Istituto d’Arte di Monopoli – così affascinati, ammaliati, condizionati, dai media – svelavo anche un po’ di “dietro le quinte”, perché si svegliassero.

Un giorno, racconto un episodio sui miei primi passi nel mondo del cinema. Seguivo un film che si girava in Puglia e mi fecero una proposta che mi avrebbe portata dritta a Roma, con molti mezzi e porte aperte a disposizione. Ad una sola condizione: che ci fossi stata, che l’avessi “data”. Un coro di domande mi anticipa in classe: “Professoressa, e lei che ha fatto?!!!”. Quando rispondo “Chiaro, ho rifiutato!”, un’alunna s’indigna:” Nooo!!! Professorè, perché?!! Io l’avrei fatto, tanto che ci vuole… insomma, una volta che si conclude, poi ottieni il successo!” Nessuna mia obiezione la convince, neanche il dubbio di ottenere davvero ciò che le è stato promesso, con tutta la concorrenza di ragazze come lei in giro.

Ciò che m’importa della vicenda Ruby, non è lo spettacolo penoso di un premier con la pompetta, ma che ci siano donne che hanno perduto la sacralità del proprio corpo e la dimensione autentica del piacere. Da femminista ho lottato per la libertà sessuale, non per la mercificazione e la degradazione della donna. Registro l’equivoco, ancora una volta. Negli anni ‘70 si gioiva per il fiorire di radio libere e tv private, si parlava di pluralismo, oggi ci si può rendere conto che il vero progetto di controllo e consumo di allora è quasi realizzato.

Manco da due anni dall’Italia e vedo una regressione enorme. Il condizionamento di massa è penetrato ancora più in profondità. E i canali attraverso cui ciò avviene si sono moltiplicati. Oggi in una casa non ci sono solo le tv, sempre accese, ma si convive con videogiochi, telefonini, computer, applicazioni… Un flusso continuo di immagini, che si assimilano inconsciamente.

All’ora di pranzo, fascia oraria per famiglie, vedo un “normale” servizio di costume del TG2 che spiega alle donne cosa devono fare per piacere agli uomini: e giù tutto il vecchio arsenale di tacchi a spillo, scollature, sculettamenti e trucchi volgari. Bevo l’amaro calice fino in fondo.

Per me, regista e giornalista della scomparsa serie televisiva “Occhi di donna”, progetto pilota per le pari opportunità nei media, è un cazzotto nei denti. Non solo non è cambiato niente ma la situazione è peggiore di quel che sembra.

Osservate le bambine, sempre più addestrate a fare le “lolite”, da un mercato che se ne frega dell’etica o dei traumi psichici con cui crescerà ancora un’altra generazione.

Ciò che sta prevalendo a livello di massa è un modello pubblicitario, semplice, ripetuto, seriale, capace di stabilirsi in modo permanente nella memoria, individuale e collettiva. Condizionano le menti, continuano a pompare immagini artificiali, che si trasformano in desideri, proiezioni, identificazioni…

Per questo, pubblico con piacere un brano tratto dal mio Format di “Occhi di donna” (1999), il bilancio di un’esperienza collettiva, ancora maledettamente attuale.

La torre della saggezza

Sku-lamp Elemento Aire, della serie dedicada ai 5 Elementi. Creazione di Ida Mastromarino, con bambù, metacrilato, cristalli, vetri, fili, lampada led multicolor. cm.16,5×16,5×60.
Taller Art Quijote, local 85, C.C.El Campanario, Corralejo – Fuerteventura

Acqua di vita

Obra, video y musica de Ida Mastromarino.

Giocando con la luce nel mio video Il Quinto Elemento, mi è sorto il desiderio irrefrenabile di creare questa lampada, Elemento Acqua, usando la nuova tecnologia dei led multicolor. Ora sto lavorando alla serie dei 4 elementi.

Jugando con la luz en mi video El Quinto Elemento, ha nacido el deseo irrefrenable de crear esta lampara, Elemento Agua, usando la nueva tecnologia de los led multicolor. ahora estoy trabajando a la serie sobre los 4 elementos.
Joking with lights in my video The fifth element, is born the desire to create this lamp, Water element, using new tecnology leds multicolor. Now I’m working to the series of 4 Elements.

Il Quinto Elemento

Creazione e realizzazione Ida Mastromarino. Musica e voce Tito Di Pippo e Ida Mastromarino.

Da tre fonti si alimenta questo video d’arte, dedicato a tutti i vivi e i  morti.

Prima fonte, le meditazioni stimolate dalla lettura de “il libro dei segreti” di Deepak Chopra: “la rottura assoluta tra la vita e la morte è un’illusione. Ciò che preoccupa le persone davanti alla perdita del corpo è che sembra una rottura o interruzione terribili. Questa interruzione si concepisce come sparire nel vuoto; è l’estinzione totale della persona. Però questa prospettiva, che suscita una paura tremenda, è limitata all’ego. L’ego brama la continuità; vuole sentirsi oggi come un’estensione di ieri (…) in questo momento già non sei la persona che eri un secondo fa. Pertanto ti stai afferrando ad un’illusione di continuità. Rinuncia ad essa in questo momento e comprenderai che sei stato discontinuo tutto il tempo: sei cambiato continuamente, e costantemente ti sei sommerso nell’oceano di possibilità per generare qualcosa di nuovo.

La morte si può considerare un’illusione completa, perché già sei morto. Quando pensi a chi eri, nei termini dell’io, ti rimetti al tuo passato che già non esiste. I ricordi sono reliquie di un tempo andato. L’ego si mantiene intatto mediante la ripetizione di ciò che già sa. Però la vita è, di fatto, sconosciuta, come deve essere se vogliamo concepire nuovi pensieri, desideri ed esperienze. Se scegli di ripetere il passato, impedisci che la vita si rinnovi. (…)

Se rifiuti l’idea di stare nel mondo ti renderai conto del fatto che sempre hai vissuto da questo luogo discontinuo. Non circoscritto, chiamato anima. Quando muori entrerai nello stesso luogo sconosciuto, e allora avrai una buona opportunità di sentire che mai sei stato più vivo. Perche aspettare? Puoi essere tanto vivo come vuoi mediante un processo conosciuto come resa.è il passo successivo per vincere la morte (…) quando ti vedi come il ciclo totale di morte nella vita e vita nella morte, allora ti sarai arreso, lo strumento mistico più potente contro il materialismo. Sulla soglia della realtà unica, il mistico rinuncia a tutta la necessità di limiti e si immerge direttamente nell’esistenza. Il cerchio si chiude e il mistico sperimenta se stesso come la realtà unica.”

La seconda fonte è la ricerca su reale e immaginario fatta da edgar Morin: riflessi, ombre, fluidità, esercitano un potere immenso di fascinazione sulla psiche umana, danno corpo al nostro doppio, sono in relazione con le pratiche magiche e i primi illusionisti cinematografici. Ho approfondito questi aspetti psichici nel mio libro “La lingua segreta delle immagini”.

La terza fonte sono io. Io, il mago dei Tarocchi, l’illusionista arcaica, Il Quinto Elemento, l’osservatore che influisce sull’osservato, componendo la mia personale visione dal profondo dell’anima, sperimentando il potere ipnotico dei riflessi, giocando con la luce su cristalli, specchi, lenti…

Dal vaso vuoto all’acqua, la vita. Pietre riempiono il vaso – le prime, chiare e luminose, le ultime nere come la notte. Ma, anche quando non c’è più luce, l’energia non cessa di esistere. Il tempo è l’illusione che ci lega all’ego. L’energia fluisce sempre e assume forme diverse, fisiche e mentali.

Nella realtà unica, mistica e quantica, siamo molecole danzanti. Per questo canto  “I never die”, io non muoio mai.