I 4 Elementi

Affascinata dall’intensa bellezza del paesaggio di Fuerteventura, la mia ricerca di artista residente nell’isola vuole superare la  riproduzione della realtà, che ha caratterizzato il mio passato italiano di regista, giornalista, professoressa di cinema e tv.Nel video “I 4 Elementi Canari” uso l’arte audiovisiva per riflettere immagini fantastiche, ipnotiche, una dimensione del possibile, in cui fluiscono figure mitiche, simboli astrologici, pura energia. Macrocosmo e microcosmo rimbalzano sullo stesso specchio virtuale, in un linguaggio segreto che parla direttamente alla psiche profonda.

Girato a Fuerteventura, La Gomera, Gran Canaria, Tenerife, Lanzarote, il video è composto di 4 capitoli, ciascuno montato con la sua forma simbolica: Elemento Acqua, triangolo con la punta verso il basso; Elemento Fuoco: triangolo con la punta verso l’alto; Elemento Aria: sfera; Elemento Terra: quadrato.

La colonna sonora originale dei video è dell’artista Tito Di Pippo. Le stampe digitali completano il progetto: dal video ho estratto fotogrammi e elaborato immagini simboliche per ciascun elemento.

30 giugno-14 agosto 2010, exposición colectiva “El Artista y la Isla”, Centro de Arte Juan Ismael, Fuerteventura.

I 4 elementi non sono semplici “simboli” o concetti astratti ma sono le forze vitali dell’intera creazione, percepita attraverso i sensi. Sono le basi dell’astrologia e delle scienze occulte, ma comprendono anche tutto ciò che possiamo percepire e sperimentare. Sono la vita dei 4 elementi della materia fisica: terra, fuoco, aria e acqua….

Forze vitali, fattori e modelli d’energia, gli elementi hanno un significato fisico, psicologico e spirituale.

In tutto il mondo, molte culture considerano i 4 elementi nelle loro tradizioni filosofiche, religiose o mitologiche: postulano l’esistenza di un’energia primaria che si manifesta in “sottocorrenti” di energia, chiamate “elementi”, con un processo che assomiglia a quello di un trasformatore elettrico. All’energia primaria sono stati dati nomi diversi – prana, forza vitale, Qui – ma le caratteristiche essenziali sono identiche in tutte le culture.

Nel Tibet furono costruite enormi strutture chiamate “stupa” come simboli giganteschi delle strutture della creazione. La base dello stupa è un grande cubo (che rappresenta la terra), su cui poggia una sfera (l’acqua) alla cui sommità si trova una struttura a forma di spirale (il fuoco). In cima vi è una mezza luna (l’aria) in cui poggia una piccola sfera (l’etere, parola tibetana per indicare la forza primaria da cui derivano le altre forze). Lo stupa rappresentava la base della cosmologia tibetana, che considerava gli elementi come le energie fondamentali del cosmo.

Una concezione analoga si trova nelle sacre scritture dell’India (come la Bhagavad Gita) e anche nei principi filosofici della medicina ayurvedica.

La filosofia cinese e l’agopuntura si basano sulla concezione degli elementi. Come tibetani e indiani li ritengono espressioni della natura, così i cinesi parlano di 5 elementi – legno, fuoco, terra, metallo, acqua – che comprendono tutti i fenomeni della natura e si adattano simbolicamente anche all’essere umano. Sono 5 perché aggiungono “l’etere” ai 4 elementi della tradizione occidentale, che non lo cita perché lo considera la fonte degli altri 4.

Anche la filosofia greca antica si basava sulla dottrina degli elementi, che paragonava alle 4 facoltà dell’uomo: morale (fuoco), estetica e sentimentale (acqua), intellettuale (aria) e fisica (terra). L’Europa del medioevo e del Rinascimento ricavò l’idea dagli scritti di Galeno e li collegò con i 4 “umori” e i 4 temperamenti umani.

In Giappone troviamo numerosi esempi dell’importanza attribuita agli elementi. Per esempio in un testo di buddismo zen, i nostri tradizionali 4 elementi sono rappresentati come le 4 qualità che si sommano nella creazione: luce (fuoco), aerazione, fluidità, solidità.

Gli elementi sono intessuti in modo intricato nella trama della mitologia. Tra gli antichi Sumeri, la cui religione considerava ogni aspetto e attività della vita, le divinità più importanti corrispondevano a 4 elementi: Anu al cielo (Aria), Enlil alla tempesta (fuoco), Ninhursaga alla terra e Enki alle acque.

Per Maharaj Charan Singh “Tutto ciò che vediamo con gli occhi fisici è costituito da uno o più elementi, cioè terra, acqua, aria, fuoco ed etere; ed ognuno di questi elementi è dannoso per l’altro. Ma, con l’aiuto o per opera dell’anima (…) tutte e 5 gli elementi sono racchiusi e agiscono nel corpo umano, e ognuno li manifesta secondo il proprio karma; tutti e 5 sono però attivi in misura maggiore o minore in ogni corpo umano.” Egli afferma che regolano non solo il corpo ma anche la mente, e mette in relazione gli elementi con i chakra e con varie tendenze che devono essere superate perché si possa ottenere un progresso spirituale: l’aria con l’avidità, l’acqua con la passione, il fuoco con l’ira, la terra con l’attaccamento.

Annunci

Omaggio a Tara

Omaggio artistico alla Dea Tara, girato alle Isole Canarie. Video e cuadro di Ida Mastromarino, accompagnato dal mantra di Tara, cantato dalla monaca tibetana Ani Choying Drolma, che ho conosciuto personalmente a Torino, per un convegno di donne per la pace, e con la musica di Sina Vodjani. Dedicato alla vita e alla morte, al ciclo di trasformazione che la Madre Terra ci insegna ad accettare. Ohm Tare Tuttare Turé Soha.

Homenaje artístico a la Diosa Tara, rodado en las Islas Canarias. Video y pintura de Ida Mastromarino, acompañado por el mantra de Tara, cantado por la monja tibetana Ani Choying Drolma, que he conocido personalmente en Turin, por un convenio de mujeres por la paz, y con la música de Sina Vodjani.
Dedicado a la vida y a la muerte, a los ciclos de transformación que la Madre Tierra nos enseña a aceptar. Ohm Tare Tuttare Turé Soha.

Artistic homage to the Goddess Tara, of Islas Canaris. Video and paint by Ida Mastromarino, with the Tara’s mantra, singed by the tibetan nun Ani Choying Drolma, I personally know her in Torino, for a meeting of women for peace, and with Sina Vodjani’music.
Dedicated to life and death, to the cycles of transformacion that Mather Heart teach us to accept. Ohm Tare Tuttare Turé Soha.

Pirámides de Güimar

Reportaje de Ida Mastromarino, musica original Tito Di Pippo. Thor Heyerdhal, explorador antropólogo y escritor noruego (1914-2002), llegò en Güímar, en la isla de Tenerife, Islas Canarias y descubriò, con investigaciones astronómicas, que las Pirámides se encuentran orientadas hacia la puerta de Sol en el solsticio de verano, como las otras Pirámides del mundo. Però los arqueologos de la Universidad de la Laguna (Tenerife) relacionaban las  piramides con el aprovechiamiento agricola de epoca reciente. Y ahora las Pirámides de Güimar son rodeadas de construcciones. El centro he sido creado por Fred Olsen.